Update



Tornerò a scrivere banalità molto presto, ma per il momento mi prendo qualche giorno di pausa perchè ancora non siamo riusciti a debellare i virus che, ormai da un mese, si sono installati nella nostra casa/sanatorio.

Da una settimana, a furia di respirare microbi, ho ceduto anch'io. Puntuale è arrivato anche il mio turno di farmi vedere dal medico al PCC, Priority Care Center dell'Adventist Hospital di Taipei.
Questa volta, ad attendermi, il gioviale Dott. Ming vattelapesca che, sghignazzando, mi ha prescritto uno sciroppo all'oppio (nella foto). Ha funzionato ma non come speravo. Un buon bicchiere di whiskey resta, comunque, il rimedio più efficace per regalarsi un po' di pace.

Tuttavia, mentre io recuperavo e mi si schiarivano voce e gola, si è riammalato Ming. Quindi di nuovo all'Adventist dove, presto, ci dedicheranno un nuovo padiglione, grazie alla frequenza delle nostre visite e, quindi, delle nostre parcelle.
Il pediatra, su cui inizio a nutrire seri dubbi, mi ha detto che Ming deve aver preso anadal vailus because the weathel is changing. E quindi ? Qui il weathel is changing all the time, quindi Ming sarà sempre malato ? Yes. Come, yes ? Devo averlo fulminato con lo sguardo perchè poi ha ritrattato con un No, he will be ok, just the weathel is changing ...
Lasciamo perdere. Se c'è però una cosa che m'innervosisce da morire è che, quando non ti capiscono in inglese, non osano dire : I dont understand o anche undelstand. Ti dicono sempre Yes.
L'altro giorno ho chiesto ad un tizio di una palestra : Posso venire direttamente ai corsi o mi devo iscrivere prima ? (pia illusione che forse un giorno riuscirò mai a fare un po' di sport). Risposta : Yes. Ma yes, cosa ? Ok, thank you, gli ho detto, invece, di insistere per avere una risposta sensata. Scema.

Insomma, la situazione è questa. Io sto recuperando, ma Ming è di nuovo tossicoloso quindi nuovi sciroppini con probabile estratto di tofu e, pertanto, inutili. Ma ce la faremo. Forse, da nordeuropei, mal ci adattiamo a questo clima mite. Meglio i freddi inverni milanesi. E infatti, non voglio dire, ma l'unico che resiste è Iduzzo che molto nordico non è, anzi ...

Commenti

  1. Concordo sul cambiare pediatra. Mi sembla un po'supelficiale o folse non capisce. Fossi Ming gli dalei una sbella! Oi oi, qui si iniziano i preparativi natalizi. Dobbiamo aspettarci, all'aereoporto l'arrivo di un bimbo bronchitico e una madre alcolizzata accompagnati da un povero padre stravolto? Per vostra consolazione anche la nonna è incimurrita: che skype sia contagioso?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tel Aviv. Il mio amore trasandato

Diamoci un taglio

Mesegavir