Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2017

Il rientro

Lunedì mi sono fatta forza e, ancora nel classico stato di dormiveglia da fuso, ho preso il mio carrellino della spesa e ciondolando mi sono diretta verso il Citysuper vicino a casa, una delle destinazioni abituali dell'occidentale che vuole conservare una parvenza di normalità nel fare la spesa. Ma questa volta è stata dura. Reduce, com'ero, da tre settimane di Esselunga dove una mozzarella non sarà lucidata con il Pronto ogni giorno ma almeno non ti costa quanto il caviale, mi sono sentita travolgere da una fortissima onda di sconforto e nostalgia. E dopo non aver trovato quello che cercavo, con due cartoni di latte riposti nel fedele carrellino, ho fatto retromarcia e me ne sono andata.

Del resto, ad ogni rientro, ci vuole un po' di tempo per riabituarsi ai dintorni. E, in più, questa volta ho risentito parecchio quel tipico stordimento da fuso per cui non sai più che giorno è, che ora è e neppure dove sei. Mai più, infatti, un volo diurno di 12 ore ma soprattutto mai pi…