Il freddo e la vaselina

"This year winter is brutal" mi ha detto la madre di O. che, fra i propositi per l'anno nuovo, deve aver deciso di essere socievole anche con gli altri esseri umani a partire da quella italiana sempre trafelata e così imperfetta.
E sgranando i suoi occhioni azzurri (è indubbiamente una bella donna peccato che le figlie abbiano preso dal padre/nonno brutto) mi ha persino chiesto come avessimo trascorso le vacanze di Natale.
Sul "brutal" non ho potuto certo darle torto. Dopo due mesi di temperature ben sotto lo zero, comincio ad averne anche abbastanza. Ed il mio corpo pure. Ho la faccia di una maestra di sci a fine stagione, i capelli secchi e avvizziti, i piedi secchi che si squamano, le unghie che si rompono ed una stanchezza addosso cronica.
Perché ti puoi anche coprire bene, metterti tessuti tecnici, pantasci, moonboots ma quando apri la porta di casa ed esci con -18 sei già stanca come se avessi scalato l'Everest. E nel giro di dieci minuti il naso inizia a colare e sogni solo di farti un bagno caldo ed un bicchiere di whisky. Peccato che siano solo le 9 del mattino. E allora una nuova spalmata di vaselina che ormai assumiamo anche via endovena per combattere il rinsecchìmento cutaneo.

Ma così è ed io vado avanti pensando che tanto fra due mesi sarà primavera e che poi arriverà l'estate  che, a quanto pare, ripaga di tante sofferenze.
Lamentose sono invece alcune mamme dell'asilo, peraltro canadesi, che non perdono occasione di scambiare fra di loro riflessioni sul tempo, davvero poco scontate : "Wow, it's so cold today, isn't it ? Oh yes, i'm freezing ..."
A me, invece, viene spesso chiesto questo : "So was this Xmas white enough for you ?" che ancora non ho capito se sia un interessamento oppure un rimprovero quasi fossi responsabile delle abbondanti nevicate perché in qualche occasione devo aver detto che non mi sarebbe dispiaciuto un Natale con la neve.
Scusate, non mi permetterò più anche perché, da queste parti, trascorrere il Natale a casa è davvero poco cool. Si va, invece, in Florida che è un po' la loro Liguria, dove molti montrealesi hanno la seconda casa e si ritrovano con la panza al sole come le foche.
Ma sinceramente io preferisco ancora la vaselina alla protezione solare, i moonboots alle infradito, i pantavento al costume. Insomma il freddo al caldo. Affitteranno case a Miami ? ...


Commenti

  1. Tutti il Florida allora.... eheh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Poi, dall'Australia, è un attimo :-)
      Buon Anno !!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tel Aviv. Il mio amore trasandato

Diamoci un taglio

Non è uno scherzo